mercoledì 9 gennaio 2008

Aspetto le vostre riflessioni!

Cari amici e amiche,
vi invito ad una attenta lettura dei documenti allegati.
Leggete prima “La Casta è la spazzatura d’Italia” e poi “Padoa Schioppa e l’evasione fiscale” per avere un maggiore background su quanto si dice nel primo articolo.
Per quanto faccia male leggere certe cose non si può negare che il problema, al di là della veemenza di certi attacchi, viene centrato in pieno.
Voglio sollevare la vostra seria riflessione su queste letture e provare ad immaginare insieme degli spunti per costruire una road map per “ricostruirci”.

Mario de Riso di Carpinone



Primo articolo: La Casta è la spazzatura d'Italia


Trovo quasi inutile argomentare questo punto, tanto eclatanti sono i fatti. Da tre decenni la Campania, e la città di Napoli in particolare, sono governate quasi ininterrottamente dalla sinistra. La Sicilia e le sue città, invece, sono state governate quasi sempre dalla destra; la Calabria è andata a turni alterni, idem per la Puglia, eccetera. Che differenza fa? Pochissima. L'Abruzzo e forse la Puglia si trovano in una condizione economico-sociale migliore delle altre regioni, ma la differenza è marginale (per chi non ci crede: controllare schede regionali SVIMEZ). Ovunque regna lo spreco, la truffa, l'incompetenza, la criminalità. La coppia catto-comunista Basso&Iervolino straparla quotidianamente su televisioni e giornali del regime. Straparlano palleggiandosi responsabilità invece d'essere cacciati a furor di popolo assieme alle rispettive giunte.
Tutti costoro dovrebbero essere messi sotto inchiesta per qualche mezza dozzina di illeciti, amministrativi e non; in un paese decente sarebbe accaduto un anno fa, qui nessuno l'ha ancora chiesto. La mortadella, amica e patrona di tutti loro, promette che farà, perché lui è uomo che fa e per questo dura. Nel frattempo indossa la sua miglior faccia da soppressa e ci racconta che l'Italia è più avanti della Spagna: basta confrontare Roma con Madrid e Napoli con Siviglia per capire che ha lardo dove gli altri hanno sinapsi. La destra chiede strumentalmente dimissioni senza crederci e, soprattutto, senza prendere alcuna iniziativa politica efficace; agisce così perché correa di simile malgoverno laddove essa controlla il potere locale. Basta, inutile continuare nell'infinita sequenza degli orrori.
L'inanità di questa classe politica spaventa e lascia senza parole. Nonostante questo occorre trovarle. Occorre continuare a chiedere le dimissioni di costoro, occorre continuare a chiedere trasparenza e responsabilità, occorre continuare a ricordare agli italiani che scordarsi di tutto questo, farlo passare in giudicato e rinviare di nuovo la questione, è suicida. Occorre continuare a denunciare la Casta ed il suo malgoverno, per stucchevole e ripetitivo che possa sembrare ed essere. Perché al peggio non v'è fine, ed un paese che digerisce la spazzatura campana senza mandare a casa, possibilmente in galera, tutti gli amministratori locali coinvolti è un paese che ha deciso di non avere alcuna speranza. Per avere speranza occorre diventare noiosi, ripetitivi e financo mono-maniacali: dimissioni di Basso&Iervo-lino, e inchiesta giudiziaria sulle loro e altrui responsabilità.
Il Sud non è economicamente arretrato, è socialmente marcescente
Il livello di sviluppo economico del Sud, per quanto inferiore a quello del Nord, è di molto superiore a quello della Repubblica Ceca, della Lituania, dell'Ungheria, di Malta e persino dell'Arabia Saudita ed è simile (o superiore) a quello del Portogallo, di vaste aree della Spagna, della Corea del Sud, e via dicendo. In nessuno di questi paesi succedono cose paragonabili a quelle che vengono riportate accadere nelle regioni del Sud d'Italia. Tantomeno ci si pone il problema di avviare programmi straordinari di aiuto economico all'Arabia Saudita o alla Corea per permetterne o facilitarne lo sviluppo economico. In Italia, invece, si continua da decenni a blaterare di aiuti economici d'ogni tipo per lo sviluppo economico del Mezzogiorno, che continua a ricevere (e sprecare) ingentissime risorse sottratte a chi, nel Centro-Nord, le produce lavorando. Tutta l'evidenza disponibile suggerisce che il problema non è economico, ma socio-politico.
- I dati ufficiali indicano un reddito pro-capite del Sud pari a circa il 56% di quello del Nord, una spesa per i consumi delle famiglie pari al 75% di quella del Nord, un valore aggiunto per unità di lavoro che viaggia all'81% di quello del Nord, e un rapporto fra redditi di lavoro dipendente per unità di lavoro dell'89%. In compenso, il tasso di occupazione è tra i 2/3 ed i 3/4 di quello del Nord e la quota di valore aggiunto generato dal settore pubblico è del 50% maggiore di quella del Nord. Mettete assieme questi fatti, aggiungetevi l'evidenza relativa all'evasione fiscale e alle attività illecite, date un'occhiata alla distribuzione regionale della spesa pubblica: arrivare alla conclusione che l'arretratezza economica del Sud è un mito dovrebbe essere immediato. Se proprio fosse necessario ritornarci sopra, ci ritorneremo.
- Il malgoverno e lo spreco clientelare di risorse da parte della Casta raggiunge nel Sud livelli molto superiori a quelli del Nord. I buoni Rizzo e Stella han fatto il possibile per distribuire equanimamente, su base regionale, i disastri che riportano ma la loro buona volontà non è stata sufficiente. Attenzione, questo non vuol dire che Venezia o Milano siano meravigliosamente amministrate. Venezia, dove sono in questo momento, è chiaramente amministrata da una giunta d'incompetenti guidati da un onesto chiaccherone: ma Napoli e Catanzaro son amministrate dieci volte peggio.
- L'evasione fiscale è, come ben sappiamo, un fenomeno fondamentalmente del Sud. Se tutta l'Italia fosse come il Nord, l'evasione fiscale sarebbe paragonabile a quella tedesca o francese.
- Non solo l'evasione fiscale: qualsiasi indicatore di "disgregazione sociale" e di "funzionamento dello stato" impazzisce quando il rilevatore supera un'area grigia che sta fra Grosseto e Roma. I tests del tipo PISA sull'efficienza del sistema scolastico rivelano una differenza abissale fra queste due parti del paese. Idem per i tassi di criminalità e la violazione delle più elementari norme di convivenza, dal codice della strada a quello della buona educazione pubblica. Il sistema sanitario del Nord è anni luce lontano da quello del Sud, che assomiglia sempre di più all'inferno. Dell'istruzione universitaria, della ricerca e dei metodi di selezione del personale universitario, meglio non parlarne: mentre il Nord non è certo il Massachusetts, l'università nel Sud è in condizioni peggiori che in Argentina. Persino il numero di organizzazioni "not for profit" illecite o inquisite perché tutto sono fuorché "not for profit", esplode (secondo un'inchiesta dell'Espresso d'alcuni mesi fa che non ritrovo in rete) quando si passa la grigia linea di cui sopra.
Potrei continuare con l'elenco degli indicatori, ma diventerei ancor più stucchevole di quanto già non sia riuscito ad apparire. Di fronte a questa tragica realtà tutto tace. Anzi, la Casta politica, che ha nel Sud le proprie radici storico-culturali e l'origine di molti dei suoi più caratteristici e squallidi figuri, di tutto questo non parla e continua a far finta che l'Italia non sia DI FATTO un'entità politica composta da due paesi distinti.
La menzogna nazionale e la trahison des clercs meridionali
Passi la Casta: le elites intellettuali ed economiche del Sud tacciono ipocriticamente, e quando parlano s'associano alla Casta nel lamento e nella richiesta di ulteriori sussidi, traferimenti, spesa pubblica. Ossia tassazione di chi è efficiente e produce. Mentre tra Roma e Lampedusa risiede la grande maggioranza degli "intellettuali" italiani, non ho notato da parte d'alcuno di costoro uno sforzo non dico di denuncia pubblica ma neanche di analisi seria della situazione, delle sue cause e dei suoi possibili rimedi, ammesso che quest'ultimi siano rintracciabili.
Sarò esplicito facendo un esempio: Roberto Saviano ha avuto grande successo, in Italia ed ora anche all'estero, con il suo libro Gomorra nel quale descrive la Camorra campana e le sue ramificazioni. Dopo averlo ascoltato dire, in un telegiornale RAI, le solite cretinate comuniste sulla questione immondizie (tutta colpa del capitalismo consumista, del Nord che ci sfrutta e ci manda i rifiuti industriali, della povertà del Sud e del suo popolo generoso vittima dei cattivi industriali torinesi, eccetera) ho deciso di dare un'occhiata al suo libro. Il lavoro investigativo c'è, ed è di qualità; i fatti sono riportati chiaramente (ma non tutti: in particolare, connivenza e supporto sociale alla criminalità sembrano non interessare molto il nostro, come poco lo interessano la relazione di mutuo sostegno fra spesa pubblica e criminalità organizzata); lo stile di scrittura avvince; i particolari truculenti e/o sorprendenti non mancano. Ma l'analisi e soprattutto il messaggio finale, non solo sono completamente sbagliati: sono pericolosi. Perché? Per la semplice ragione che, documentando l'ovvio fatto che la Camorra ed il crimine organizzato in generale sono strutturati come aziende e rispondono a logiche di massimizzazione del profitto - a che altro dovrebbero rispondere? - il nostro arriva alla beota conclusione che anche la Camorra, ed il crimine organizzato in generale, altro non sono che il naturale prodotto del sistema di mercato, del capitalismo, del capitale finanziario che cerca nuove fonti di profitto (a fronte della famosa ed ineluttabile caduta del famoso tasso di ...) e via dicendo cretinate. Soprattutto, il nostro intellettuale campano, in sintonia con la stragrande maggioranza delle elites economico-intellettuali meridionali, non si pone mai la domanda vera: PERCHÈ A NAPOLI E NON A MANTOVA? Perché a Napoli, o a Palermo, il capitale cerca di far soldi con l'eroina e la prostituzione, con gli appalti pubblici truccati e con il pizzo, mentre a Mantova lo fa con i tortelloni alla zucca, a Vigevano con le scarpe, a San Cassiano con il turismo e a Palo Alto con i programmi di software?
Non farsi queste domande corrisponde a tradimento intellettuale. Non farsi queste domande è funzionale a sostenere la grande menzogna nazionale su cui la Casta ha costruito ed alimentato il proprio regime dal dopoguerra in poi.
Qualcuno, raramente, queste domande se le fa. Le profonde differenze fra Nord e Sud d'Italia - quando non le si interpreta alla Saviano come il risultato di un "complotto" dei capitalisti veneto-lombardi a scapito dei cafoni lucano-campani, derubati di non si capisce che cosa visto che non pagano le tasse e vengono sussidiati a ritmo di tarantella - vengono allora attribuite a una specie di "stato di natura", contro il quale nulla si può. Lo stato di natura è regolarmente composto di due cose: nel Nord c'è l'industria privata grande ed efficiente (che "per forza" è più produttiva, crea lavoro, evade meno, segue le regole del gioco, delinque meno, eccetera) e nel Sud c'è l'agricoltura (ma dove?) e la criminalità organizzata (che crea un costo aggiuntivo e perdippiù inquina l'ambiente sociale, favorisce l'evasione, fa paura un po' a tutti). In questa descrizione dei fatti ci si scorda che al Sud ci sono anche l'impiego pubblico, i sussidi alle imprese ed i trasferimenti alle famiglie, ma fa niente.
Questi argomenti non solo non tengono storicamente - la grande industria al Nord non c'era sempre e, comunque, oramai non c'è quasi più; c'è più agricoltura al Nord che al Sud; la criminalità organizzata avrebbe potuto esserci anche al Nord, non è che i nordici siano santi - ma sono logicamente incoerenti. Sono incoerenti perché sia l'evasione fiscale, che la struttura industriale, che la criminalità organizzata, che il comportamento dei pubblici amministratori sono scelte che la gente fa tenendo conto del contesto in cui si trova (scelte di equilibrio, diremmo noi economisti); scelte della gente del Sud, in questo caso. L'economia dissestata ed inefficiente, l'incapacità imprenditoriale, la propensione truffaldina, l'abbondare di avvocati e dipendenti pubblici vagamente azzeccagarbuglieschi e con una scarsa tendenza a offrire servizi decenti, la poca propensione al lavoro ed al rischio in proprio, l'abbondante frequenza di comportamenti criminali o di omertà e compiacenza con i medesimi, queste ed altre cose sono SCELTE ENDOGENE di chi nel Sud ci vive. Esattamente come l'evasione fiscale e la corruzione nell'amministrazione pubblica, con le quali si compenetrano. Quindi la teoria dello stato di natura pre-esistente non spiega nulla.
Sarebbe tempo di riconoscere questo fatto, e cercare di capirlo. Se vogliamo mettiamoci pure anche l'effetto di rete, o l'imitazione di comportamenti viziosi/virtuosi, stile Putnam di un decennio e passa fa ("capitale sociale" ed altri imprecisi concetti di quel tipo vanno così di moda quando non si sa cosa dire, che oramai sembrano pure voler dire qualcosa). Ma rendiamoci conto che queste cose non sono una la causa dell'altra, sono tutte causate da qualcos'altro. Se qualcosa spiega la Puglia verso il Veneto (guardatevi lo stato dell'economia veneta attorno al 1940, e fate due confronti con quella pugliese o anche campana), o la Sicilia verso l'Irlanda (idem, e sono entrambe isole cattoliche e tradizionaliste), o di Bari verso Ravenna, dev'essere un aspetto differenziale, non può essere la stessa cosa che esiste al Nord. Alcune classiche magagne italiane vi sono sia a Nord che a Sud, ma la differenza di risultati è bestiale, quindi quelle magagne (molte delle quali discusse continuamente in questo sito) non possono essere la chiave del problema. Qualcosa d'altro lo è.
È il qualcosa d'altro che occorre individuare, e pubblicamente dibattere. Chiedersi cosa causa l'evasione fiscale e la corruzione del settore pubblico nel Sud è una maniera di chiedersi che cosa causi le altre differenze con il Nord, inclusa la spazzatura che affoga Napoli e non Bologna. Di chiedersi, insomma, perché siamo davanti a due paesi diversi. Ma per chiederselo occorre riconoscerlo, e abbandonare la comoda menzogna del Sud sottosviluppato per ragioni naturali e/o vittima del Nord. Questo le elites intellettuali meridionali continuano a rifiutarsi di fare, nascondendosi dietro ad una foglia di fico fatalista (ah, il Sud è così ... che ci vuoi fare!) o tacendo e defilandosi dietro alla tazzuriella 'e café.
Qui sta il tradimento, come gruppo e come singoli individui, del loro ruolo sociale. Dove sono, cosa dicono, che fanno gli scienziati sociali baresi, napoletani, palermitani e romani a fronte del processo di degrado di quella parte dell'Italia in cui vivono ed operano? Dove sono in questi giorni, dove erano in questi anni, le elites meridionali? Che cosa hanno detto e fatto? Che cosa scrivono e che cosa appoggiano? Per chi lavorano e per chi fanno consulenze? Chi supportano e chi osteggiano? Qual è la loro pubblica funzione?Nel caso in questione: perché gli intellettuali napoletani - economisti e scienziati sociali soprattutto, fra i quali molti conoscenti - non prendono una posizione esplicita sulla questione spazzatura? Meglio di altri, forse, potrebbero analizzare la situazione e distribuire responsabilità obiettive. Meglio di altri, forse, potrebbero chiedere che chi è responsabile si dimetta e paghi. Non sarebbe questa una maniera d'essere socialmente utili e d'assumersi quel ruolo dirigente a cui la classe sociale da cui provengono ha abdicato da troppo tempo? O forse che per essere classe dirigente basta vestire da Cilento, Kiton e Marinella e possedere la casa con vista sul golfo?

Michele Boldrin - professore universitario
dal sito: noisefromamerika.org

Secondo articolo: Padoa Schioppa e l'evasione fiscale

Padoa Schioppa ha affermato (vedi Sole 24 Ore, Gazzetta Mezzogiorno, comunicato ANSA 2007-06-21 23:22 "Evasione a 100 mld, possibile azzerarla", dell'inviato Andrea Linares) che:

· Ci sono "7 punti di Pil di mancate entrate per l'erario: oltre 100 miliardi, cioè il 15-20% di tutte le entrate fiscali raccolte".

· Cento miliardi - ha spiegato il ministro - che se venissero pagati regolarmente "cambierebbero il volto dell'Italia" [...] Un sogno? No, ha assicurato Padoa-Schioppa. Anzi, un obiettivo possibile, raggiungibile, addirittura vicino. [...] "Un'Italia ad evasione zero - ha assicurato infatti il ministro - è possibile, è a portata di mano".

· Quello dell'evasione, è un male che riguarda tutto il Paese, da nord a sud, senza distinzione e che "supera la base imponibile dichiarata".

· L'evasione fiscale "non è una malattia di alcuni, ma spesso una vera e propria pandemia", dove i livelli di frode sono "doppi rispetto a Francia, Germania e Regno Unito e addirittura quadrupli rispetto ad Austria, Olanda ed Irlanda"

Le affermazioni del ministro, come riportate dai mezzi di comunicazione, contengono due errori madornali.

Il primo errore madornale è che sarebbe possibile e plausibile ridurre l'evasione fiscale a zero. Da decenni gli economisti fanno stime dell'economia sommersa per l'Italia e altri paesi, questo è un esempio:

Informal Economy as % of GNP 1999/2000

10,2% Austria
23,2% Belgium
18,2% Denmark
18,3% Finland
15,3% France
16,3% Germany
28,6% Greece
15,8% Ireland
27,0% Italy
13,0% Netherlands
19,1% Norway
22,6% Portugal
22,6%Spain
19,1%Sweden
8,8%Switzerland
12,6% United-Kingdom
16,4% Canada
8,8% United States
15,3% Australia
12,7% New Zealand

L'economia sommersa è rimasta sostanzialmente invariata sia nei 5 anni di legislatura dell'Ulivo dal 1996 al 2001 sia nei 5 anni del governo Berlusconi dal 2001 al 2006, tanto in Italia come negli altri paesi.

Quindi:

1. È implausibile e irrealistico pensare di portare dal 27% a zero nei termini di tempo di una legislatura un fenomeno che, negli ultimi 10 anni (ma non solo), è rimasto sostanzialmente stabile intorno al 27%, senza apprezzabili variazioni.

2. È implausibile e irrealistico pensare che sia possibile ridurre a zero l'evasione considerato che i migliori risultati a livello mondiale sono 8-10%.


Il secondo errore madornale è che l'evasione riguarderebbe tutto il paese, da Nord a Sud senza distinzione. È sufficiente consultare il sito web dell'Agenzia delle Entrate per vedere quali sono, dopo approfonditi studi, le stime dell'evasione fiscale IRAP. Estraggo dalla loro principale tabella:

Graduatoria dell'intensità dell'evasione regionale -
Media 1998-2002 (base imponibile evasa / dichiarata)

13,04% Lombardia
22,05% Emilia Romagna
22,26% Veneto
26,05% Lazio
28,22% Friuli-Venezia Giulia
28,97% Valle d'Aosta
30,17% Trentino-Alto Adige
30,53% Piemonte
33,11% Abruzzo
33,67% Toscana
33,95% Marche
44,51% Umbria
49,75% Basilicata
50,29% Liguria
54,61% Molise
54,71% Sardegna
60,55% Campania
60,65% Puglia
65,89% Sicilia
93,89% Calabria


Queste stime sono paragonabili a quelle analoghe compilate circa 10 anni fa durante il primo governo Prodi e pubblicate su Repubblica Affari & Finanza del 2 giugno 1997:

Evasione 1993 stimata per industria e commercio (reddito evaso / reddito totale):

40.6% Val D'Aosta
19.1% Piemonte
28.3% Liguria
13.1% Lombardia
22.9% Trentino-Alto Adige
24.1% Veneto
23.3% Friuli-Venezia Giulia
20.1% Emilia-Romagna
34.0% Toscana
29.8% Umbria
35.2% Marche
27.5% Lazio
57.2% Sardegna
43.5% Abruzzo
62.4% Molise
64.2% Campania
54.4% Puglia
83.2% Basilicata
70.8% Calabria
54.4% Sicilia

Nel servizio di Repubblica si legge:

"La ricerca delle Finanze è il più attendibile tentativo di ricostruire la mappa della produzione sommersa in Italia. Lo studio è stato effettuato con i più sofisticati mezzi tecnici oggi a disposizione: si pensi che milioni di dati inseriti nella banca dati dell'Anagrafe Tributaria sono stati confrontati con quelli dell'Istat e dell'Inps."

"Lo studio è stato fatto da un'agguerritissima commissione composta da membri del Secit, il servizio dei superispettori fiscali, esponenti dell'INPS, della Banca d'Italia, dell'ISTAT, dell'Anagrafe Tributaria".

Gli studi sopra elencati riguardano l'economia privata. Nel settore pubblico è presumibile che l'evasione fiscale sia molto vicina a zero per gran parte delle voci di spesa importanti come pensioni, stipendi degli statali, contributi alle imprese. In Italia la spesa pubblica corrisponde al 43% del PIL in prima approssimazione. Non conosco dati separati per regioni, ma mi aspetto che la spesa pubblica vari da valori intorno al 30% nel Nord Italia a valori intorno al 65% nel Sud Italia, sono interessato a conoscere eventuali dati se esistono.

In ogni caso, indipendentemente dall'incertezza riguardo le differenze regionali sul contributo della spesa statale al PIL, quando ai dati del settore privato si aggiungano quelli del settore statale i dati disponibili mostrano chiaramente che l'evasione fiscale è:

· in Lombardia, al livello dei paesi OCSE più virtuosi,

· nelle altre grandi regioni padane, al livello europeo oltre le Alpi,

· nel Centro Italia, significativamente più elevata della media europea,

· nel Sud Italia, mostruosa e indegna di un paese civile e avanzato, e fuori da ogni parametro OCSE.

Pertanto non è vero che l’evasione è un problema che riguarda l’intero paese in modo uniforme. Inoltre, è impensabile, dati i livelli di efficienza degli apparati statali, ridurre i livelli di evasione delle regioni del Nord, già uguali o migliori di quelli europei, senza introdurre uno stato di polizia ancor più illiberale e intrusivo di quello che già esiste. Sarebbe invece realistico, oltre che doveroso, ridurre il livello di evasione nelle regioni del Centro e soprattutto nelle regioni del Sud dove lo Stato italiano è poco più di una barzelletta per quanto riguarda gli obblighi fiscali.

Secondo gli studi compiuti sotto il primo governo Prodi, le tasse evase in Campania (7 milioni di abitanti) sono più di quelle della Lombardia (9 milioni di abitanti, un reddito procapite nettamente superiore, e un minore contributo dell'economia statale). Questo implica che vessare gli artigiani ed i piccoli imprenditori del Nord, come il governo sta facendo, è economicamente ingiustificato e socialmente ingiusto. Si tratta di una scelta puramente politica, per la quale sono evidentemente funzionali le affermazioni errate e fuorvianti di Padoa Schioppa sopra ricordate. E si tratta di una scelta politica che di fatto punisce gli abitanti delle regioni che tendono a non votare la maggioranza politica al potere.

Concludendo, le affermazioni di Padoa Schioppa riportate dall'ANSA (e da diversi altri mezzi di comunicazione) contengono errori madornali, gli obiettivi dichiarati come "a portata di mano" sono implausibili e irrealistici, la descrizione della situazione italiana è superficiale e sbagliata, nonché in contraddizione con gli stessi studi governativi sull'argomento. Su queste basi ci si può solo aspettare un'azione di governo inconcludente e dannosa per i cittadini italiani.

Alberto Lusiani - ricercatore di Fisica sperimentale


6 commenti:

Andrea Moro ha detto...

Scusate l'intrusione, sono uno dei redattori di noisefromamerika.org, il sito dal quale avete tratto gli articoli. Chi scrive e collabora al nostro sito ci mette una buona fetta del proprio tempo libero, e puo' solo far piacere ricevere segni di apprezzamento come il vostro. Farebbe anche piacere pero' essere riconosciuti per questi sforzi. Copiare di sana pianta due interi articoli senza un minimo di indicazione dell'autore e della provenienza non e' solo illegale (questo sarebbe il meno, e non ci interessa), e' semplicemente scorretto.

Come potete notare dalla nostra licenza (link in calce alle nostre pagine), i nostri articoli sono liberamente copiabili anche a scopo di lucro, a condizione che venga attribuita all'autore la paternita' dell'opera, e che venga indicato con un link la provenienza dell'articolo. Sono sicuro che se pensate che i vostri lettori possano trovare interessanti quei due articoli, magari possono trovare interessanti anche altri articoli del nostro sito.

Vi ringrazio per la comprensione, e complimenti per il vostro sito. Mi pare un'iniziativa lodevole.

Luigi Esposito ha detto...

Caro Andrea Moro,
chiedo scusa per non aver riportato immediatamente la paternità dei due articoli ma era una cosa che avremo fatto di qui a poco in quanto eravamo intensionati a rispondere, come abbiamo fatto, alle argomentazioni di Michele Boldrin e Alberto Lusiani.
Speriamo davvero che si possa instaurare un tavolo di confronto aperto al dialogo e alle opinioni di tutti.

Luigi Esposito

Andrea Moro ha detto...

Certo, grazie, rispondete pure sul nostro sito, il dibattito mi pare vivace

Alberto Lusiani ha detto...

Però da buoni napoletani ci siamo sentiti punti nell’orgoglio quando veniamo accusati di nasconderci “dietro la comoda menzogna del Sud sottosviluppato per ragioni naturali e/o vittima del Nord”. Volenti o nolenti la realtà purtroppo ci offre questo. Ci sembra un dato di fatto inoppugnabile che la Campania ospiti sul proprio territorio i rifiuti gentilmente inviatici dalle industrie settentrionali. Inoltre, se il Sud è stato soggetto da parte dell’establishment governativo del Nord ad una politica di conquista, colonizzazione e sfruttamento dal 1860 fino all’avvento del Fascismo (ed oltre) e se questa politica è continuata anche nel dopoguerra a causa delle scelte politiche che hanno continuato a favorire l’industria del Nord, cui veniva molto comodo poter contare sulle “braccia” di tanta gente del Sud, di certo non tutta la responsabilità è dei meridionali e delle proprie elités intellettuali. Alle quali, peraltro, deve essere imputata la responsabilità di “essere andati a letto con il nemico” [...]

Rispondo con piacere alla vostra replica molto civile che contiene molti punti condivisibili.

Ho gia' scritto in un'altra risposta che ritengo insensato mescolare (come fa anche Saviano) lo smaltimento illegale dei rifiuti pericolosi in Campania con l'incapacita' degli amministratori locali Campani di gestire decentemente la raccolta e lo smaltimento dell'immondizia locale ordinaria. Il primo e' un problema di controllo di legalita', di cui e' responsabile in primo luogo lo Stato italiano, e probabilmente corresponsabili sono le autorita' amministrative locali Campane. Il secondo e' un banale problema di amministrazione e responsabilita' locale. Praticamene in tutto il mondo le amministrazioni locali sono in grado di trovare una soluzione decente in linea con lo sviluppo economico e culturale del luogo. Credo sia sintomatico di quanto malato sia lo Stato Italiano anche solo immaginare che parte della soluzione si possa trovare con la solidarieta' delle altre regioni. Ogni aiuto esterno in questo caso riduce e confonde le responsabilita' locali che sono clamorose. Come documentano i giornali, chi ha gestito l'emergenza rifiuti in Campania, ormai decennale, ha usato i soldi dello Stato per assumere impiegati pubblici nullafacenti, ingrossando le proprie clientele a spese dei contribuenti italiani, ovviamente senza curare l'emergenza che anzi sembra tornare periodicamente utile per sollecitare nuove risorse e nuovi aiuti. E tutto questo e' reso possibile e continuera' fino a quando ci saranno solidarieta' e aiuti di Stato deresponsabilizzanti. L'unica strada per migliorare e' punire chi amministra male, invece di premiarlo assieme alla comunita' che lo ha eletto con ulteriori trasferimenti di risorse.

Per quanto riguarda la conquista del Sud, e' vero che hanno che l'hanno decisa e portata a termine le classi dirigenti del Nord (inclusi comunque in prima linea anche i Toscani, e senza la collaborazione di almeno un Lombardo come Cattaneo). Tuttavia gia' nel 1895 un socialista come Turati scriveva "il presente governo non e' governo italiano, ma del mezzodi' contro il settentrione", per cui da Nord si puo' a ragione argomentare che il governo centrale ha governato (malamente) contro gli Italiani del Nord e a favore degli Italiani del Sud gia' a partire da pochi decenni dopo l'unificazione. La politica dello Stato Italiano non ha favorito solo le grandi imprese del Nord colluse con lo Stato, ha favorito anche e ancora di piu' i loro alleati agrari del Sud, tanto e' vero che la misura economicamente piu' rilevante del Regno d'Italia e' stato il dazio sul grano di importazione, adottato per proteggere a spese dei consumatori italiani in particolare l'agricoltura estensiva e poco produttiva del Sud. Non solo, fin dall'unificazione il Regno d'Italia ha consentito ai possidenti meridionali e laziali una mostruosa e sistematica evasione fiscale, che ha consentito loro di accumulare ricchezze pur mantenendo la societa' meridionale nell'arretratezza. Quando lo Stato Italiano rinuncia nel 1895 ad assogettare i possidenti meridionali alle stesse tasse di quelli settentrionali Turati scrive:

"una nuova dichiarazione di guerra della baronia feudale sicula e napoletana ai proprietari terrieri del Lombardo- Veneto [...] un nuovo passo - e qual passo - verso l'assoggettamento dell'Italia civile, operosa, industriale, moderna, dell'Italia europea, all'Italia meridionale baronale, africana, borbonica; e' la coltura estensiva, quasi nomadica, e' il latifondo parassita, depauperatore, miasmatico, che vuol vivere a spalle dell'agricoltura progressiva, dei nuovi metodi culturali che incominciarono a introdursi nelle zone agricole progredite e ai quali la perequazione dell'imposta avrebbe consentito slancio maggiore." (Critica sociale, 1 dicembre 1895, p. 353).

Le grandi imprese poco competitive del Nord come e' stata tradizionalmente la Fiat hanno profittato dell'immigrazione di massa meridionale per avere manodopera a basso prezzo. Se questo ha beneficiato i profitti degli Agnelli, ha pero' ridotto i salari dei molto piu' numerosi operai piemontesi rispetto ai loro colleghi francesi e tedeschi. Alla fine sia i cittadini del Nord sia quelli del Sud hanno perso, per far guadagnare una Casta di scarsa qualita' e perdente nel confronto internazionale, composta dai grandi industriali del Nord collusi con lo Stato e dal ceto politico meridionale loro alleato, a sua volta beneficiato con impieghi statali remunerati in numero e misura eccessiva.

Alla fine di tutto, e' perfino difficile quantificare chi sta peggio, se stanno peggio i settentrionali che lavorano, sono tassati a sangue, e pero' almeno hanno livelli di reddito e consumi quasi europei, sia pure con servizi statali miserabili come scrive l'Economist, oppure i meridionali, che per meta' prendono uno stipendio statale spesso misero ma per non far quasi nulla di utile, e per l'altra meta' sopravvivono poveramente in un'economia asfittica, con illegalita' diffusa, drogata dai sussidi clientelari e nella regione piu' povera dell'Europa occidentale. Quello che a me e' comunque chiaro e' che il sistema di potere su cui si basa lo Stato italiano, tassare a sangue e imbrogliare i settentrionali per pagare le clientele nel meridione, non funziona nemmeno per comperarsi la rielezione negli ultimi 15 anni, e produce solo danni e miseria per il cittadino italiano medio.

Alberto Lusiani ha detto...

Aggiungo un commento su Padoa Schioppa. Sono ovviamente d'accordo con il proposito di combattere l'evasione fiscale come in generale con ogni buon proposito di garantire il rispetto della legge. Ritengo infatti che una societa' sia tanto piu' prospera e civile quanto piu' abbia poche e buone leggi, fatte rispettare con inflessibilita', efficienza ed equita'

Purtroppo in Italia abbiamo pessime leggi, in particolare l'imposizione fiscale teorica e' eccessiva sia rispetto a paesi comparabili come Francia e Germania, sia messa a confronto con i servizi miserabili che lo Stato fornisce in cambio.
Anche tenuto conto di questo, e' comunque buona cosa che le leggi siano rispettate in maniera inflessibile, efficiente ed equa. Ma nulla di tutto questo e' vero in Italia: l'applicazione della legge e' altamente inefficiente e altamente iniqua, tanto che l'evasione fiscale stimata passa dal 13% dei redditi privati della Lombardia al 65% approssimativamente nelle regioni del Sud Italia. Facendo i conti risulta che nonostante nelle regioni del Nord si paghino piu' tasse a parita' di reddito che in Francia e Germania, l'evasione fiscale e' comparabile. In Lombardia e' perfino nettamente inferiore. A questo punto non e' piu' possibile giustificare un presunto tecnico come Padoa Schioppa quando afferma (col collega Visco) che l'evasione fiscale e' la stessa da Nord a Sud, quando invece l'eccessiva evasione fiscale in Italia e' esclusivamente responsabilita' dell'Italia centrale, e soprattutto dell'Italia meridionale e insulare, come e' evidente sia negli studi condotti nel 1996-2001 (governi dell'Ulivo) sia un uno studio posteriore piu' recente pubblicato perfino sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Antonio Candeliere ha detto...

interessante blog.